Carnevale 2012

L’identità e la lingua della gente vissuta nel territorio del Basso Piave viene studiata e analizzata attraverso l’osservazione delle forme sempre più diverse con le quali essa emerge e si evidenzia.

Il Carnevale rappresenta uno dei momenti significativi di questo studio. 

  

 

img_5591 

Il carro allestito portava il titolo

 

HALLOWEEN… O  SAN  SIMIÓN?

 

Miti e leggende del Basso Piave”

 

Volendo mettere in evidenza l’importanza delle nostre radici identitarie, il carro ha inteso appunto rappresentare il tema del contrasto tra le feste tradizionali tipiche del Basso Piave (ora dimenticate) e quelle riferite invece a culture e identità territoriali differenti, talvolta addirittura appartenenti ad altre nazioni. Sono proprio gli elementi culturali provenienti dall’esterno che, attualmente, fanno sempre più breccia nel nostro mondo, contribuendo a creare una grande confusione sotto l’aspetto identitario.

 img_5526

Una festa tipica del Basso Piave era appunto quella di San Simión, per esempio, che si svolgeva la sera del 28 ottobre, data con la quale si faceva tradizionalmente finire l’anno nel nostro territorio.

Seguiva, dopo qualche giorno, la festa dedicata “ai Santi e ai Morti”: questa era affrontata con atteggiamento profondamente ossequioso e mesto, non certo in modo dissacrante come avviene per la festa di Halloween, sentita e giustificata invece in maniera assai diversa all’interno della cultura anglosassone.

Nel territorio un tempo abitato dalla gente di palude del Basso Piave, la maschera veniva usata a Carnevale, ma certamente non quando si trattava di onorare i propri Morti, ritenuti Santi – al tempo stesso – proprio in virtù delle tante difficoltà con cui avevano saputo affrontare la loro vita quotidiana.

img_5573Stimolando i partecipanti alla riflessione su questa tematica, abbiamo voluto sollecitare la comunità del Basso Piave ad assumere consapevolezza della memoria riferita invece alla propria identità terrritoriale e storica: spesso, infatti, dimentichiamo di assegnare il giusto valore a ciò che ci appartiene, così che tale memoria rischia di essere inconsciamente soppiantata da miti e leggende altrui.

 img_5416

Ma indubbiamente altri elementi culturali ci caratterizzano rispetto alle altre culture e il carro presentava appunto alcune le nostre figure tradizionali, come a uia e i sete portzeéti (la scrofa e i sette porcellini) e el matzariòl (alle spalle del quale non poteva che ‘nascondersi’ la figura tipica di Halloween, la strega, a significare – per noi dell’Associazione – il primato che assume il matzariòl rispetto all’invadenza culturale della strega, pur presente anche all’interno della cultura popolare del Basso Piave).

 img_5504

Ecco perché, come già è accaduto nelle precedenti edizioni, anche quest’anno l’Associazione “G.R.I.L. Basso Piave” ha partecipato alle manifestazioni indette da alcuni Comuni e dalle Pro Loco in occasione dei festeggiamenti.

 img_5490

Cogliamo qui l’occasione per ringraziare vivamente tutti coloro (associati e non) che ci hanno supportato sia per l’allestimento del carro sia come gruppo presente a seguito del carro nel corso delle varie sfilate.

Lascia un Commento