Un anno impegnativo e denso di risultati

 

Sono giunti a conclusione diversi progetti svolti dall’Associazione nelle scuole del Basso Piave e durati tutto il corso dell’anno.

Il lungo percorso che ha visto impegnati i membri dell’Associazione è iniziato con le lezioni presso l’Istituto Tecnico Commerciale Statale “L. B. Alberti” di San Donà, che hanno avuto come risultato la realizzazione di 14 brochure informative in tre lingue (italiano – tedesco – inglese) destinate agli stranieri e ai visitatori del nostro territorio (nate dalla collaborazione fra Associazione “G.R.I.L. Basso Piave” e studenti del Corso Assistenti Congressuali dell’Istituto “L. B. Alberti”, nonché la casa editrice Mazzanti Editori e la Regione Veneto).

Nei mesi successivi si sono conclusi anche i progetti cui hanno aderito le scuole elementari di Millepertiche e Croce, nel Comune di Musile di Piave, presso le quali sono stati prodotti dagli alunni diversi materiali (sotto forma di testi e immagini): l’Associazione si sta attivando per rendere appunto possibile la loro esposizione in pubblico.

A luglio si è concluso anche il Progetto Tekne, avviato in collaborazione con tre studentesse dell’Istituto “L. B. Alberti”: grazie al contributo culturale offerto dall’Associazione, Sara Padovan, Alessandra Patti e Maria Giovanna Simonetto hanno saputo definire alcuni possibili percorsi turistici (da effettuare in bici o in auto) inseriti all’interno del contesto culturale del Basso Piave, destinandoli ai visitatori che giungono nel nostro territorio e vogliono scoprirne la bellezza e il fascino, per quanto questo nostro territorio sia ancora poco noto ai più, se non addirittura poco valorizzato. 

È stato un anno denso di impegni, soprattutto per ciò che riguarda le scuole, cui si sono affiancati i vari eventi messi in atto: in tutte queste occasioni è stato possibile far conoscere, sotto punti di vista diversi e con modalità differenti, lo sforzo costante dell’Associazione, volto ad evidenziare gli aspetti identitari che caratterizzano il Basso Piave.

Lascia un Commento